Addio a Hopeton Lewis: il re del rocksteady muore a 66 anni

E’ morto lo scorso 4 settembre Hopeton Lewis, cantante giamaicano considerato uno dei padri del rocksteady. La sua Take It Easy fu uno dei primi brani del genere, diventando negli anni una delle hit più risuonate e che recentemente era stata ripresa per realizzare il nuovo riddim della Ranch Entertainment e sul quale hanno cantato artisti come Shaggy e Christopher Martin.

La notizia della morte di Lewis è stata data dal figlio tramite un messaggio apparso su facebook. Pare che il giamaicano sia deceduto nella sua casa di Brooklyn in seguito ad una insufficienza renale che lo ha portato via a soli 66 anni (ne avrebbe compiuti 67 il prossimo 3 ottobre).

Nato a Kingston, Lewis fin da piccolo si è avvicinato alla musica iniziando a cantare in chiesa. Da giovanissimo ha formato il suo primo gruppo chiamato The Regals con il quale fu pubblicato il singolo per Coxsone Dodd dal titolo Shammy back. Nella sua carriera vanno ricordati anche brani del calibro di “Boom Shacka Lacka” e album come “Grooving Out On Life”. Negli anni novanta si avvicina al cristianesimo e alla musica gospel. Gli amanti della musica reggae lo ricordano per la sua presenza nel documentario “Rocksteady: The Roots Of Reggae” che noi vi riproponiamo qui di seguito.

Commenta

commenti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi