Max Romeo contro la radio: in Giamaica trasmettono solo dancehall

Al recente International Reggae Conference 2015 che si è tenuto presso l’Università delle Indie Occidentali (UWI) di Mona, a poco meno di dieci chilometri da Kingston, ha preso la parola anche Max Romeo. Il noto artista giamaicano ha espresso alcuni pensieri personali a riguardo delle emittenti radiofoniche che a suo avviso stanno affondando il reggae.

A spiegare in che modo il genere reggae potrebbe presto andare a morire, è lo stesso Max Romeo che dice: “Le radio stanno continuando a trasmettere dancehall che non ha più appeal internazionale e stanno affossando altri generi come il roots, il reggae. Quando passano la nostro musica lo fanno nel modo sbagliato, non citando neanche l’autore o dicendo che è musica vecchia“. Un pensiero condivisibile quello del cantante classe 1947 che aggiunge anche: “I giovani non ci conoscono e non abbracciano più la musica reggae“.

Altro punto stonato di tutta questa vicenda, sempre secondo Max Romeo, è che la situazione non andrà a migliorare finché i dj e le radio non smetteranno di trasmettere solo la musica dei cantanti con cui stanno lavorando. Spesso gli speaker ed i dj radiofonici sono produttori di riddim che di conseguenza passano solo i propri lavori con lo scopo di promuoverli oppure trasmettono singoli di artisti che hanno pagato per essere passati in radio.  Una situazione davvero paradossale sull’isola dove questa musica è nata e da dove ha iniziato ad essere nota in tutto il mondo.

Commenta

commenti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi