damian-marley

Damian Marley racconta la Giamaica tra fried fish e Shabba Ranks

Torna a parlare Damian Marley che in una recente intervista per il The New York Times si è raccontato, rispondendo alle domande del giornalista Kenan Christiansen. Alla vigilia del Catch A Fire tour, una sorta di reunion con i Morgan Heritage e suo fratello Stephen Marley, Jr Gong ha prevalentemente parlato della Giamaica e di alcuni particolari inediti.

Quando parlo di casa, anche se io vivo a Miami, mi riferisco sempre alla Giamaica. Sono cresciuto con mia madre a Kingston” dice il figlio di Bob Marley che poi, a proposito di casa, aggiunge “Quando sono sull’isola vado al Bob Marley Museum. Per me è come una base. Ma amo anche la gente, la cultura e mi piace andare a Hellshire Beach. Qui fanno il il fried fish (pesce fritto) e un piatto che noi chiamiamo festival che è farina di mais mischiata a farina normale. E poi ci fanno il fried cake, unica in Giamaica“.

C’è spazio anche per la musica e non poteva essere diversamente: “Sono cresciuto con la musica dancehall. Erano gli anni di artisti come Shabba Ranks, Ninjaman e Peter Metro. Per molto tempo la Giamaica non ha prodotto molta musica roots ma in questi ultimi anni il reggae è tornato popolare. Kingston è sempre il centro della musica: essendo la capitale la maggior parte degli eventi e delle attività musicali avvengono li“.

Potete leggere l’intervista completa sul sito del The New York Times.

 

Commenta

commenti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi