Addio a Steve Nisbett, storico batterista degli Steel Pulse

La musica reggae piange la scomparsa di Steve Nisbett, lo storico batterista degli Steel Pulse. Nato nel 1948 a Nevis, una piccola isola caraibica, si trasferì in Inghilterra a soli 9 anni e ancora adolescente iniziò a suonare quella che divenne la sua ragione di vita: la batteria.

Nel 1977, dopo un’esperienza in gruppi come Penny Black, Rebel, Roy Gee and The Stax Explosion e Force, si unì alla celebre reggae band inglese degli Steel Pulse e prese parte alla loro prima storica produzione, il brano Ku Klux Klan, inserito poi nel disco di debutto Handsworth Revolution pubblicato nel 1978. Steve “Grizzly” Nisbett ha preso parte a tutte le più grandi produzioni della band, impugnando le bacchette della batteria fino al 2001 anno in cui decise di lasciare il gruppo in seguito a problemi di salute. Nonostante l’addio agli Steel Pulse, rimase molto attivo nel mondo musicale con la sua etichetta discografica, la Grizzly Records.

La notizia della sua scomparsa si è rapidamente diffusa nel pomeriggio di giovedì 18 gennaio, ma al momento non sono note le cause che hanno portato alla morte del grande batterista. In serata è arrivato anche il messaggio degli Steel Pulse che tramite la loro pagina Facebook.

Advertisements

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi