Alborosie a La Repubblica: “un disco nuovo è come un vestito nuovo, ma sei sempre tu ad indossarlo”

La passione non ha limiti, l’amore non ha confini, colori. Quando una cosa è vera e pura vai oltre a tutto” con queste parole Alborosie sintetizza venti anni di carriera parlando in un’intervista molto interessante rilasciata a La Repubblica, realizzata da Flavio Brighenti. Una chiaccherata in cui Puppa Albo si racconta tra vita privata, reggae e fede.

L’intervista parte proprio da quest’ultimo argomento citato: “La cultura rasta ha avuto un certo appeal su di me, rispetto ad esempio alla chiesa cattolica che ha canoni molto più restrittivi. […]  Quella rasta non è una religione, è spiritualismo, la parola religione implica anche una componente politica da cui io mi sento lontano” dice Alborosie che poi alla domanda di come sia cambiato il suo modo di comporre musica risponde dicendo: “Non è cambiato nulla. Io faccio sempre allo stesso modo, un disco nuovo è come un vestito nuovo che ti compri, ma sei sempre tu ad indossarlo. L’artista è sempre lo stesso, è la gente che cambia, le mode che cambiano“.

Finalmente si hanno anche notizie su Journey to Jah” , il film documentario con Alborosie e Gentleman. L’artista italiano però non è soddisfatto del risultato finale, ricordando che ci sono voluti oltre due anni per concludere le riprese: “Il risultato finale non mi rappresenta al 100%. Diciamo che l’idea originale è stata un po’ cambiata dai produttori” ha detto Puppa Albo che poi aggiunge “Non ho avuto molto spazio per dire veramente la mia, a film finito alcune cose mi rappresentano e altre no“.

Infine anche qualche parola sul suo imminente ritorno in Italia con il concerto del 29 novembre a Marghera, quando si esibirà sul palco del centro sociale Rivolta intanto amici del reggae e non solo, per il suo Alborosie & Friends sul palco: “Non abbiamo provato lo show e sarà una vera festa, una sorta di grande jam session fatta per divertirsi e divertire il pubblico uniti da un forte spirito d’amicizia“.

Per leggere l’intervista integrale realizzata da La Repubblica, clicca qui.

Advertisements

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi