Bunny Wailer al veleno contro la Marley Natural e la famiglia Marley

La notizia del lancio della Marley Natural, il primo brand mondiale di marijuana che porterà il nome e il volto di Bob Marley, è arrivata nelle scorse settimane e sin dai primi giorni si sono sollevate numerose polemiche e reazioni di artisti, addetti ai lavori, comunità rasta ma anche dei semplici amanti della musica reggae e consumatori di erba.

E anche a distanza di due settimane non sembrano placarsi tali polemiche alle quali si aggiunge anche un nome di spicco della scena, quello di Bunny Wailer. L’ex membro, insieme a Peter Tosh e Bob Marley, dei The Wailers ha voluto dire la sua opinione a riguardo di tale argomento e lo ha fatto rilasciando un’intervista uscita in queste ore sul The Gleaner che inizia con una frase riepilogativa del suo pensiero: “Bisogna opporsi pubblicamente all’accordo della Natural Marley“.

I motivi sono molteplici a partire dal fatto che è un accordo che va nella direzione opposta a quanto sostiene Bunny Wailer, il quale da anni lotta per la legalizzazione della marijuana, e che dovrebbe essere a beneficio della Giamaica e non di multinazionali stranieri che sfruttano l’isola e il volto di Marley per fare dei soldi. E a proposito del marchio, Neville O’Riley Livingston, questo il vero nome di Bunny Wailer, sostiene che sarebbe stato più giusto legare all’erba il nome del collettivo Wailers e non quello di Bob: “Dovrebbe esserci il volto di tutti noi a rappresentare la ganja e invece non è così. La famiglia Marley ha spazzato via quello che gli Wailers hanno rappresentato per l’immagine della nostra musica nel mondo. Da sempre solo loro beneficiano di quello che tutti noi abbiamo fatto: un comportamento egoista“.

Parole dure quelle di Bunny Wailer che anche aggiunto: “I fan dicono che Peter è il volto mondiale e io quello locale in rappresentanza della marijuana. Entrambi siamo stati maltrattati e imprigionati per la nostra lotta: io ho fatto 14 mesi di carcere e Peter ha subito atti brutali. La famiglia Marley, dopo la morte di Bob, non ha fatto niente in tal senso“. Infine il cantante non si è sottratto di criticare il governo giamaicano, giudicato troppo lento nell’approvare la nuova legislazione.

Commenta

Articoli Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi