La polizia fa incursione al Kingston Dub Club e arresta Gabre Selassie

Il Kingston Dub Club di Gabre Selassie è uno dei locali più famosi della Giamaica, poco fuori Kingston, dove ogni domenica è possibile, citando la descrizione presente sulla pagina Facebook del locale, ascoltare “100% undiluted roots/rockers/reggae & dub”. Un luogo i cui intenti primari sono la salvaguardia e la diffusione della cultura del sound system e, attraverso la musica conscious, favorire l’aggregazione delle persone, il tutto nel caratteristico paesaggio delle colline di St. Andrew, con una vista panoramica sulla capitale giamaicana sottostante, ormai da quasi quattro anni.

La sera del 23 aprile, tra le 23 e le 23:30, si sarebbe dovuto tenere un evento per celebrare la prima visita di Haile Selassie in Giamaica, avvenuta il 21 aprile del 1966, ma la polizia si è presentata al locale per prendere sotto custodia il proprietario e sound system operator Gabre Selassie durante la session. I motivi addotti per l’arresto dell’operator sono vari: c’è chi dice per l’eccessivo rumore notturno, chi perché la licenza del locale fosse scaduta. L’incidente ha scatenato l’immediata reazione dei media e delle persone presenti alla venue e lo stesso Ministro alla Cultura, l’Intrattenimento e lo Sport giamaicano, l’Onorevole Olivia Grange, ha fatto sentire la sua voce sostenendo il proprietario ed il locale sulle colline di St. Andrews, affermando: “Gabre Selassie è un’icona che ha dedicato e promosso la roots reggae music per tutti questi anni, e merita il rispetto per il suo apporto consistente a sostegno della nostra cultura giamaicana locale”.

Il Ministro continua poi dicendo: “Voglio vedere migliori relazioni tra la polizia e le nostre comunità musicali. Nel frattempo, occorre mostrare rispetto reciproco e tra i diversi settori”.

Lo stesso Gabre, rilasciato il giorno seguente, ha pubblicato un post sulla pagina Facebook del locale che reca così: “Blessed Idrens & sistrens!…per prima cosa vorrei ringraziare tutti per la loro preoccupazione nei miei confronti. Sto bene e sono a casa (al KDC) a riposare. Ho appena finito un incontro con le autorità e l’accusa di aver superato la soglia di rumore consentito è stata sollevata. Lasciatemi dire che per ogni azione.. c’è una reazione ‘uguale’ e contraria. Stiamo cercando di arrivare ad una soluzione definitiva once and For-Iver! Dovranno realizzare che Rastafari non è un nemico ma un protettore dello stato. Non trasmettiamo sentimenti malati nei confronti delle autorità. Strength and blessings to each and everyone..the Faithful Few….e dite ad un amico di dire ad un amico di prender parte al Kingston Dub Club tutte le domeniche!…RastaFull I”.

La Noise Abatemen Act è una legge che pone vincoli sulla rumorosità e vieta agli eventi musicali di protrarsi oltre le 2 di mattina e che potenzialmente va a colpire soprattutto gli organizzatori delle serate sound system. Chissà che a seguito dell’episodio al KDC questo atto legislativo non possa subire una revisione per andare incontro alle esigenze di entrambe le parti.

Advertisements

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi