La recensione di The Road Less Traveled, il nuovo disco dei Adwela & The Uprising

Si chiama The Road Less Traveled il nuovo album di Adwela & The Uprising, gruppo statunitense proveniente dallo stato della Virginia che nel 2015 vinse il Virginia Reggae Awards come migliore gruppo, che successivamente gli ha portati ad esibirsi in tutti gli States aprendo a gruppi come i Wailers, Ziggy Marley, Third World e New Kingston.

È quindi arrivato il momento di pubblicare il primo disco, altro passo decisivo nella carriera di questo gruppo: un album di undici tracce con l’obbiettivo di raccogliere al suo interno tutta la potenza lirica e musicale sprigionata nei loro live.

La prima tune è Roll Call, brano che inizia con un’ipnotica melodica seguita dalle voci di Adwela Dawes e Rachel Henry, che si alternano assieme ad un potente basso che rende ancora più mistica l’atmosfera. “We give thanks and praise every day to Jah inna we heart” è quanto cantato in Sweet Reggae, una delle traccie più significative della tracklist per il perfetto contrasto tra la profonda voce maschile con la dolcezza di quella femminile, in un connubio melodico in pieno stile roots reggae.

In Fight e Warrior il gruppo esprime al meglio il loro profondo animo guerriero, in due brani caratterizzati dalla forte presenza di chitarre elettriche a conferire un tocco più strong. Se con Silent Cry e One Plant troviamo sonorità più commerciali, in Irie troviamo un assolo di piano che regala al brano quel sentimento di benessere fisico e spirituale che risiede proprio nella suddetta parola rastafariana.

In Same Old Same (My Hometown) si ritorna all’atmosfera scaturita nei primi due brani per sfociare in Riot e Shackles & Bondgae, tunes di ottima fattura che inneggiano alla ribellione contro un sistema che ci tiene incatenati a falsi ideali attraverso il potere materiale. Da citare anche Wolves, brano allegro intriso di forti testi che invitano a guardarsi bene da coloro che si mostrano amichevoli in un primo momento, ma che alla prima occasione ci voltano le spalle: i cosiddetti “frienemies”.

The Road Less Traveled rappresenta il primo tassello di un grande mosaico targato Adwela & The Uprising, lavoro che ha combinato al meglio le classiche sonorità con quelle di altri generi, costruendo un solido punto di partenza per farsi conoscere dalla massive oltreoceano.

Tracklist The Road Less Traveled

01. Roll Call
02. Sweet Reggae
03. The Fight
04. Silent Cry
05. Irie
06. One Plant
07. Same Old Same (My Hometown)
08. Riot
09. Shackles & Bondage
10. Warrior
11. Wolves

Advertisements

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi