Nuovo video per Jaka: fuori C’è nu jardinu

A poche settimane dall’uscita del suo sesto album Invincible Soul, Jaka rilascia un nuovo video. Il brano scelto, estratto proprio dal suo ultimo disco, è C’è nu jardinu.

Si tratta del secondo singolo da Invincible Soul, dopo Frontile che vede la collaborazione di MisTilla. Anche in C’è nu jardinu c’è una bella featuring, ovvero quella con Roberta Prestigiacomo a cui è affidato il ritornello. Un brano che mescola italiano e siciliano, una dichiarazione d’amore per la terra d’origine dell’artista che la descrive come una terra di contrasti e contraddizioni, meravigliosa ma allo stesso tempo terribile. Una sorta di paradigma dell’Italia all’ennesima potenza.

C’è nu jardinu è stato prodotto dallo stesso artista insieme a Ciro Princevibe. Il videoclip, che potete trovare qui sotto seguito dal testo, vede la regia di Baldo Messina, il montaggio e la direzione della fotografia a cura di Fabio Messina mentre la produzione video è ad opera dello studio Ideavideo di Trapani.

Testo C’è nu jardinu | Jaka

C’è nu jardinu a mezzu di lu mari
tuttu ‘ntissutu di aranci e ciuri
tutti l’aceddri ci vannu a cantari
puru i sireni ci fannu a l’amuri

Siamo il sole, il gelsomino, la luce delle Egadi,
l’olivo e il pomodoro di Pachino
siamo il vino di Marsala che ci spezza le gambe,
e l’Etna decorato dalla neve e dalle piante

siamo il geco che ci guarda con aria assorta
e il pezzo di pane che ti porti nella sporta
e ho trecce nei capelli come quelle che le fate
fannu a notti ae picciriddi pi farili chiù beddri

siamo mandorle amare e dolci come mandarini
siamo scarsi, ricchi, gli ultimi e i primi
siamo acqua e sole, pesci e sale
l’odore di campagna e l’infinito mare

la mia isola è assolata, uva passula siccata,
na pampina stuccata,
diamo da bere a questa terra consumata
riempiamola di fiori, o terra dolce amata

C’è nu jardinu a mezzu di lu mari
tuttu ‘ntissutu di aranci e ciuri
tutti l’aceddri ci vannu a cantari
puru i sireni ci fannu a l’amuri

Siamo Orlando e Bradamante,
cristiani e mammalucchi
biondi come i normanni e neri come i turchi
tenaci come marmo di Custonaci,
semu Totò Schillaci, la stragi di Capaci

siamo i greci e i romani gli arabi e i tedeschi
abbiamo templi per gli Dei, per i santi e per i teschi
sudore che ci bagna sutta u’ sule cucenti
un popolu ammiscatu, figghiu di tanti genti

siamo il sangue che buttiamo fino a fine giornata
per portare il pane a casa,
i minni generosi di questa madre terra
semu ‘a sarda alliccata di tempi da guerra,
è terra che non si vende all’interesse dei potenti
sta terra è da genti, della nostra gente
belli come divinità
e non la puoi comprare la nostra dignità
C’è nu jardinu a mezzu di lu mari
tuttu ‘ntissutu di aranci e ciuri
tutti l’aceddri ci vannu a cantari
puru i sireni ci fannu a l’amuri
sugnu i Misteri e sugnu l’annacata, e a duminica a tavula cunzata,
devoto al volto luminoso della Madonna
e schiavo della lussuria che s’annida in uomo e donna
siamo la forza della terra, pace, guerra,
mistici, inebriati di cultura
Sicilia, Trinacria, Sicania, Italia,
sugnu ‘na persona onesta e un ‘ran figghiu di buttana

Advertisements

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi