I Red Lions incontrano Mykal Rose: esce The Healing Of The Nation

Lo scorso 2 novembre, è uscito il nuovo album di una delle realtà reggae più interessanti del continente americano: stiamo parlando dei Red Lions, gruppo californiano composto da Burton Eubank e Jeremy Gray, rispettivamente al basso e alla batteria.

Reduci dall’ottimo debutto di Red Lions Dub risalente allo scorso anno, il ruggente duo non ha frenato i lavori che, tra un tour e l’altro in giro per gli Stati Uniti, li ha portati a collaborare con Mykal Rose, leggendaria voce dei Black Uhuru nonché nuovo protagonista di Healing Of The Nation, l’ultimo progetto musicale della band.

Ad aprire la pista è Bad Face, brano dai bassi potenti e dalle liriche taglienti in cui l’artista giamaicano riflette sull’egoismo delle persone:”Full a them a talk then don’t know nothing about you“. Si ritorna nel passato con No Vampire e Gully Bank Life, pezzi da pelle d’oca che riflettono in pieno lo stile Black Uhuru, merito anche del prezioso contributo di Binskee nei panni di produttore, a confermare la collaborazione coi Red Lions per regalarci qualcosa di straordinario e dal sapore molto vintage.

Anche Micheal dimostra di essere molto in forma e di avere ancora un’enorme spirito di adattamento a tematiche differenti: con Dung A Yaad, di cui tra l’altro viene proposto il video ufficiale, i toni si fanno meno duri per parlare della bella Giamaica, dove la vita è bella “although it hard”, e si fanno più malinconici in When I Was A Boy, ballad che rilette ricordi indelebili di una gioventù passata sull’isola:”When i was a boy we didn’t care about nothing, life was so eazy” è il ritornello ipnotico che rieccheggia prepotentemente sopra un riddim one drop.

Settima e ottava traccia sono Get A Life e More Fire, che si coronano i brani meglio riusciti dell’intero set: entrambi caratterizzati da un suono settantiano in cui basso e percussioni si alternano ad una batteria sincopata, che sostiene l’inimitabile Waterhouse singing di Mr. Tu Tu Tweng. Completano il quadro musicale il tris di pezzi senza tempo quali Sinsemilla, Solidarity e General Penitentiary, che superano a ottimi voti l’arduo ostacolo di riuscire a rendere più belli brani che sono passati alla storia della musica in levare.

Un progetto discografico che regala grandi emozioni e riporta sotto i riflettori un Micheal Rose che mancava da Strategy Of Rome, raccolta di brani pubblicata a giugno dello scorso anno; in attesa di vederli esibirsi in Europa, Healing Of The Nation viene pubblicato dalla I-Sight Records e disponibile sia in cd che in vinile.

Tracklist The Healing Of The Nation

01. Bad Face
02. Dung A Yaad
03. My Friend Herb
04. No Vampire
05. Gully Bank Life
06. When I Was A Boy
07. Get A Life
08. More Fire
09. Sinsemilla
10. Solidarity
11. General Penitentary
12. My Friend Dub
13. Gully Bank Dub
14. General Dub

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Non accetto - maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi