Home / Musica / Novità Musicali / Esce Tradition, il nuovo album dei Soothsayers

Esce Tradition, il nuovo album dei Soothsayers

È una delle band più importanti degli ultimi anni e ha un sound che spazia dal reggae all’afrobeat: stiamo parlando dei Soothsayers che ha recentemente pubblica l’ultima fatica discografica. Tradition, questo il nome del nuovo album uscito lo scorso 29 giugno, rappresenta il settimo traguardo dalla loro fondazione, avvenuta nel lontano 1998 dal genio di Idris Rahman e Robin Hopcraft, rispettivamente al flauto e alla tromba.

Ispirati da Marvin Gaye, Pharoah Saunders, Stevie Wonder, e naturalmente The Wailers e Skatalites, l’obbiettivo del gruppo, attualmente composto da sette membri, era quello di partire dal Jazz e mescolare i vari generi della black music per crearne uno proprio: ecco così che nacque Lost City, album accolto positivamente dalla critica.

Le sperimentazioni di generi continueranno sapientemente, senza mai scadere nella monotonia e scegliendo minuziosamente i messaggi da diffondere: il progetto più importante però, sarà One More Reason, all’interno del quale vanterà la partecipazione di pionieri come Johnny Clarke, Micheal Prophet, Linval Thompson e  le preziosi mani di Mad Professor e Manasseh.

Se One More Reason rappresenta il trampolino di lancio, Nothing Can Stop Us rappresenta l’album della maturazione: dodici tracce di puro roots reggae accompagnati da un Cornell Campbell in grandissima forma.

A distanza di ben cinque anni dall’ultimo album, la band ha firmato per la Wah Wah Records e ha anticipato la notizia del progetto anticipato dalla doppia combinazione di singoli dedicati a due leggende dei propri generi: la prima si intitola Sleepwalking (Black Man’s Cry) ed è un omaggio a Fela Kuti, il cui testo è estratto proprio da un discorso del padre dell’Afrobeat risalente al 1971.

La seconda, intitolata Natural Mystic, non poteva essere che un omaggio a Bob Marley, in cui compare nuovamente The Gorgon per un profondo brano in cui l’ipnotica voce del flauto è la protagonista principale. Presente in tracklist anche un rifacimento di Nothing Can Stop Us e Goodnight Rico, tributo al leggendario trombonista giamaicano.

Tracklist Tradition

1.Tradition
2.Good Vibration
3.Heart Rules Head
4.Nothing Can Stop Us
5.Goodnight Rico
6.Sleepwalking (Black Man’s Cry)
7.Dis & Dat
8.Overcome
9.Watching The Stars
10.Take Me High
11.Natural Mystic

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Non accetto - maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi