Genti di Mari di Jaka: il testo

Nuovo brano per il siciliano, ma fiorentino d’adozione Jaka che torna con Genti di Mare che potete ascoltare a questo link. Vogliamo proporvi anche il testo della canzone. Eccolo quindi qui sotto:

 

Genti di mari semu
genti di mari yo
genti di mari semu
genti di mari yo
Semu a mari
Semu a mari
Semu a mari ma un’ anniamu un’ anniamu
semu a mari a mari a mari
semu a mari a mari a mari
Semu a mari ma un’ anniamu un’ anniamu
Semu a mari ca crisi semu a mari
senti cumpari senti succu amu a fari
un ni putemu stari ca a lamintari
perciò cumpari accumincia a natari
c’è cu ni vulissi viriri affucari
senza sapìri chi semu genti di mari
semu a mari ma iò ma firu a natari
genti di mari, un putemu anniare
haiu li hammi forti pi natari
haiu ciatu pi respirari
haiu un cori pi quariariti
haiu vrazza accussì ranni pi putiriti abbrazzari
perciò a mè coscienza
è tuttu chiddru ch’ haiu iò
no un sugnu schiavu
ma sugnu libero
cu tuttu chi semu a mari
io non annegherò 
no non annegherò
Semu a mari ma
Semu a mari ma
Semu a mari ma un anniamu no no
Crollan le illusioni, le false certezze
ma non crollano quei guerrieri
abituati a certe altezze spirituali
semu abituati a solcare i mari ,
un putemu anniari
ci siamo allenati a vedere
attraverso le più sottili crepe
la luce delle più lontane mete
a non avere fame a non avere sete
a non rimanere prigionieri di nessuna rete
ma c’è genti senza sordi e fammigghie a n’mezzu i stradi
c’è cu spaccia pì campari ne città e né contradi
figghi contru i patri, patri contru i figghi
satanu i legami, s’arruvinanu i famigghie
haiu li hammi forti pi natari
haiu ciatu pi respirari
haiu un cori pi quariariti
haiu vrazza accussì ranni pi putiriti abbrazzari
rit
Non anneghiamo anche se dice c’è crisi
certo che lo Zen non sono i Campi Elisi
certo che in giro vedo certi visi
ma mai smetterò di elargire sorrisi
la gente si lamenta sembra abbia la tisi
cercan negli i fon sprazzi di paradisi
non dico di esser santi come quello di Assisi
ma almenu un ci scassati i cabbasisi
perciò a me coscienza
è tutto chiddru
ch’ haiu iò
no non sugnu schiavo
ma sugnu libero
cu tuttu chi semu a mari
io non annegherò
no non annegherò
ma non vi siete accorti che la fine del mondo
era il 21 / il solstizio d’inverno
quindi altro che fine / inizia il solstizio
questa non è la fine ma un nuovo inizio
Genti di mari semu
genti di mari yo 
genti di mari semu genti di mari yo

Advertisements

Commenta

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi