Lion D a Torre dell’Orso: report foto e video

Lion D live Torre dell’Orso (LE) – 17 agosto 2013. Nei giorni del 16 e 17 agosto si è tenuta in questa località del Salento una rassegna intitolata “Le notti della Pizzica e del Reggae” che prevedeva l’esibizione di due band ogni sera, una per ogni stile. C’è da dire che solo nel Salento può accadere un fatto del genere, perchè ormai il pubblico è stato “educato” all’ascolto, e non c’è quindi nessun problema a mescolare i generi.

Il 17 è toccato suonare la pizzica ai “Briganti della Terra D’Otranto”, che hanno fatto ballare tutti, bambini, giovani, adulti e anziani, seguito per il reggae da Lion D, che ha fatto ballare …..le stesse persone!! Con mia grande sorpresa ho visto alcune persone anziane che avevano ballato la pizzica, dondolare al ritmo del reggae. Per un attimo ho pensato di stare in Jamaica! Lion D, quest’anno ha inciso un cd “Bring back the vibes”, e l’autorevole rivista francese online “Reggaeville” , lo ha incluso nei migliori 5 album reggae dell’anno! La valutazione mi trova pienamente d’accordo. Sul palco di Torre dell’Orso è salito un Lion D bello carico, con una band, la “Livity Band” che ha condotto le danze in ottima maniera. Bisogna dire dire che la performance è stata piena di energia, nonostante avessero percorso l’Italia in 12 ore di furgone, perchè provenienti dall’Overjam festival in Slovenia, dove avevano suonato la sera precedente, e che quindi un po’ di stanchezza fosse inevitabilmente presente, ma noi spettatori non ce ne siamo accorti!

Per primo è salito sul palco Jah Sun, cantante reggae americano, che accompagnato dalle coriste di Lion D, ha eseguito 3 brani diciamo così di “riscaldamento”, e dopo una bella versione di “Get Up Stand up” di Bob, ha lasciato il posto al nostro italo-nigeriano.
L’entusiasmo è salito alle stelle, le canzoni più note del disco si sono susseguite velocemente, “No bleaching cream”, ”Blessing”, “So Beatiful”, inframmezzate anche da famose canzoni reggae, come “Stop that train”, che hanno contribuito ad alzare il gradimento del pubblico nei confronti di band e cantante. Anche le 2 coriste hanno attivamente partecipato alla festa sul palco, non limitandosi ai semplici cori, ma collaborando con Lion in alcuni duetti. La fine del concerto ha visto l’esecuzione di “Try After you”, che riprende il ritornello di una famosissima canzone degli Inner Circle, “Sweat”, e che viene cantata e ballata in coro da tutto il pubblico presente.

La reazione del pubblico ha la capacità di motivare ulteriormente il Leone, che continua a saltare e a ballare in lungo e largo per tutto il palco, coinvolgendo anche la band che, dimenticata la stanchezza, continua a darci dentro di brutto.
Dopo un’ora e mezza di ottimi suoni finisce la serata, i ragazzi del luogo che hanno organizzato la festa, vanno piuttosto di fretta per chiudere gli stand e tirare le somme delle serate, sono l’una e mezza di notte, a 5 chilometri da qui a San Foca, c’è la serata del Mamanera e il sound system di Black Chiney e loro non possono mancare.
Meraviglioso, pazzesco e incredibile Salento!

Report, foto e video di Emilio Chirico

Commenta

Articoli Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi