Home / Notizie / Il ritorno di Spragga Benz nel ricordo del figlio ucciso ed in aiuto dei giovani

Il ritorno di Spragga Benz nel ricordo del figlio ucciso ed in aiuto dei giovani

Spragga Benz è uno dei nomi più noti della scena dancehall anni novanta: una serie di successi come A-1 Lover, Jack It Up, Machine Gun Kelly o She Nuh Ready Yet lo hanno portato ad estendere la sua popolarità a livello internazionale, anche se negli ultimi anni non è stato molto attivo.

Nonostante ciò il suo contributo nella musica è sempre stato massimo, aprendo la strada ai più giovani nel ruolo di produttore con la sua etichetta Red Square. Ma alla soglia dei 47 anni per Spragga Benz è il momento di tornare a far sentire la propria voce e riprendere in mano il microfono: già in queste ultime settimane lo abbiamo ascoltato su diversi riddim con brani come Don’t Do It sul Do Dem Bad Riddim, pubblicato a febbraio, e nelle scorse settimane con A Just We e The Threat.

Sono molto orgoglioso di questi lavori ma anche di quello che sto facendo con i giovani con la Red Square” ha detto Spragga Benz in una recente intervista per il Jamaica Observer nel quale poi svela di aver pronto del nuovo materiale: “Ho una serie di brani pronti: saranno una decina e potrebbero essere messi insieme per un nuovo album ma non è tra i miei progetti più immediati“.

Brani in cui saranno ricorrenti temi come la politica e la grave perdita che lo ha colpito nel 2008 quando suo figlio Carlton ‘Carlyle’ Grant Jr è stato assassinato: “La morte di Carlyle è stata per me fonte di ispirazione: ogni anno, nel giorno della ricorrenza, ho rilasciato una traccia in sua memoria. Per esempio Shotta Culture è dedicata a lui. Ho voluto trarre il positivo da questa esperienza tremendamente negativa“.

Infine una battuta sulla politica e su quello che andrebbe fatto per le nuove generazioni: “I politici prendono la musica come capro espiatorio per coprire le loro carenze. La musica reggae e dancehall è musica di liberazione, serve ai giovani per tirare fuori la loro voce e le tensioni represse: non ho mai sentito nessuno che sia stato influenzato da un brano in senso negativo. Invece di puntare sempre il dito verso di loro, servirebbero dei programmi sociali per i giovani che non hanno più speranze, dei sistemi intelligenti per dare loro nuove opportunità: il governo trova i soldi per tante cose ma investire sulle nuove generazooni è quello che serve“.

Guarda anche

Chi sono i Boomdabash?

Nella due giorni di Sanremo Giovani, una sorta di talent show dal quale sono usciti …

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Non accetto - maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi