MaggioReggae Spring Day a Prato: il nostro report fotografico

Sabato 4 maggio Prato ha vissuto una giornata diversa dal solito. Una giornata di armonia e gioia, andata in scena all’Officina Giovani e regalataci dai ragazzi del MaggioReggae che hanno voluto festeggiare così il loro primo compleanno. Noi non vedevamo l’ora che arrivasse questa giornata e quindi non siamo mancati, anche per cercare di farla rivivere a chi purtroppo non è potuto essere presente.

Come da programma, si è iniziato alle 16 e anche il meteo sulla città toscana è stato MaggioReggae per una giornata: sole e cielo azzurro, con un piacevole caldo estivo. Entrati nell’ampio spazio messo a disposizione, siamo stati subito colti da sensazioni positive che solo la reggae music sa darci. C’è chi ha definito tutto questo un piccolo Rototom e come dargli torto? La bellezza e la grandezza di un festival o di un evento, non si misura solo dagli spazi in cui si svolge e dagli artisti sul palco, ma sopratutto da quanto ti senti parte di esso e da quanto tu ti possa sentire in una seconda famiglia, nel momento in cui lo vivi.

Tanti artisti di strada che per l’intera giornata hanno offerto spettacoli di giocoleria e dipinto i vari spazi a disposizione con bellissime rappresentazioni. Interessante anche la zona di massoterapia dove massaggiatori mettevano a disposizione la loro esperienza e le loro mani per piacevoli massaggi gratuiti. E poi le zone “musicali” con un’area esterna dove dalle prime ore del pomeriggio si sono esibiti in dj set One-Ito, Borgoklaat Crew e Spastic Hash Crew. Mentre all’esterno le selezioni facevano ballare la massive, all’interno dalle 19 si è assistito alla seconda edizione del Mortal Kombat Freestyle Battle, ovvero una competizione di Freestyle che ha portato sul palco ben 16 Mc’s. Il pubblico e la giuria composta da Trais & Drag-One, decidevano chi mandare avanti nelle varie sfide che alla fine ha visto trionfare Willi dbz a cui è seguito proprio il live hip hop di Shafy Click.

Tra una bancarella e l’altra e tra un sorso di birra e un morso a buonissime schiacciate, abbiamo visto le luci del giorno lasciar spazio a quelle meno chiare della notte che hanno portato tutte le attenzioni nuovamente all’area interna dove sono iniziati i live della band. Primi a salire sul palco i bravissimi The Children, una nuova realtà reggae pratese che ha deliziato il pubblico con numerose cover di Bob Marley e anche un loro pezzo dal titolo “Lieto Fine”. Sul palco anche i ragazzi della Geealadenjo Crew che hanno dato una energia e una carica al pubblico non indifferente. Subito dopo spazio a Rudy Rashaida & Dubwise Gang, band fiorentina davvero di grande bravura. E infine sul palco anche gli EBM (Earth Beat Movement), seguiti dalla Svolta Sound System con il loro impianto. E mentre tutto questo andava in scena all’interno, fuori una marea di gente assisteva allo show di percussioni e ai giocolieri con il fuoco che hanno offerto uno spettacolo unico.

Giornata davvero splendida e di grande successo: mentre mi avviavo verso l’uscita, stanco ma felice dopo quasi 10 ore di musica e attività, mi voltavo indietro e con soddisfazione notavo quanta gente come me non avesse perso questa occasione di dimostrare quanto questa città abbia voglia di qualcosa di nuovo e di diverso da quelle poche cose che fino ad oggi ci ha offerto.

 

Guarda anche

Ziggy Marley al Rugby Sound di Legnano: scaletta, foto e report

Anche questa estate è andato in scena il Rugby Sound Festival, ritrovo annuale in quel …

Inserisci un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Non accetto - maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi